Dispacci migranti

Pubblicato il 16 maggio 2017 | da Irene Salvi

0

Essere migranti a Roma, il primo appuntamento a Scup

Oggi alle 18 in via della Stazione Tuscolana 84 la presentazione del progetto MiRò, che propone una serie di incontri pubblici per ragionare su migrazioni e convivenza tramite dialogo e partecipazione

Da domani e sino al 27 giugno MiRò – essere migranti a Romalaboratorio aperto di dialogo e approfondimento, propone una serie di appuntamenti per discutere la questione dei migranti a Roma sotto molteplici prospettive. Quattro date unite da un filo conduttore: interpretare la convivenza tramite la partecipazione dei romani, attivando “un tentativo di dialogo tra chi c’è e chi arriva”. Diverse le realtà sociali coinvolte nel progetto, che collabora anche con il festival di cinema migrante Karawan (nato nel 2012 a Tor Pignattara): da ASINITAS alla Comunità di Sant’Egidio, dall’Associazione 60 Miglia ai genitori delle scuole multietniche “Pisacane 011” e Di Donato.

Il primo incontro, giovedì 18 maggio, parte dal tema Migranti di ieri. Percorsi tra le comunità storiche di Roma: casa, culto, lavoro. Oltre alla “libera e indispensabile presenza dei cittadini e delle comunità” saranno presenti numerosi ospiti: tra loro Alessandro Saggioro (storico delle religioni e direttore del Master Religioni Mediazione dell’Università Sapienza), Piero Vereni (antropologo e filosofo, docente di Antropologia Culturale e Religiosa presso l’Università Tor Vergata e animatore del blog pierovereni.blogspot.it/), Rossella Anitori (regista del documentario sulla comunità bengalese romana My little Dhaka, vincitore del vincitore del Premio Lenovo al 27° Festival del Cinema Africano, d’Asia e Latino America, che sarà proiettato nel corso dell’incontro) nonché rappresentanti di ASGI – Immigrazione, Lunaria ed Economia è Comunità.
Senza cattedre né punti di vista privilegiati, un’occasione per accogliere interventi e avanzare proposte, ma anche solamente di ascolto e ispirazione “da chi vive da spossessato e da chi se ne occupa in ambito accademico, artistico o giornalistico”.

I prossimi tre appuntamenti, che affronteranno il tema dei migranti sotto punti di vista eterogenei (rispettivamente: diritto di asilo e protezione internazionale, media e opinione pubblica, la radio come mezzo d’espressione per le comunità migranti) si terranno a breve, in date e luoghi in corso di definizione; aggiornamenti e ulteriori informazioni sul programma sono disponibili sulla pagina FB del progetto.

 

Tags: , , , ,


Autore



Back to Top ↑